Laghi di Fusine

immersi nel bosco, dominati dalle montagne

La conca dei laghi di Fusine è uno dei luoghi più affascinanti delle Alpi Orientali. Si trova a pochi km da Tarvisio, l’ultima cittadina prima del confine austriaco e sloveno.

La valle dei laghi di Fusine appare come un mondo incantato. I laghi di origine glaciale, collegati tra loro da facili sentieri, si trovano all’interno di un fitto bosco di abete rosso. Tutti i colossi delle Alpi Giulie si specchiano capovolti nelle tranquille acque dei laghi. Silenziose barchette sfilano accanto alle anatre e ai germani.

L’ambiente, dove vivono tanti animali e piante tipiche, si trasforma a seconda delle stagioni: la natura mostra le sue infinite gamme di colore dipingendo il bosco e i laghi con sfumature uniche.

I sentieri

Il Sentiero Naturalistico dell’Alpe Vecchia
Prevede la salita al Rifugio Zacchi, la bellissima traversata sotto le pareti della Strugova, della Veunza e del Mangart, con discesa verso i laghi attraverso l’Alpe Tamer. Ciò permette di spostarsi a piedi, con tempi di percorrenza contenuti, in un ambiente incontaminato e selvaggio, senza difficoltà alpinistiche. Dal Lago Superiore (924 m.) si arriva al Rifugio Zacchi (1380 m.).

Sentiero dei laghi

Percorrendo il Sentiero dei Laghi l’escursionista attraversa una sorta di “spaccato dell’ambiente”. Si passa infatti dalla foresta di conifere che circonda gli specchi d’acqua alla faggeta, dal pascolo montano ai grandiosi massi erratici delle morene e dalle limpide acque dei laghi alle maestose pareti rocciose del Mangart. Il sentiero è comodamente percorribile in giornata; se la gita termina verso sera si avrà il privilegio di godere delle esclusive e suggestive sfumature di un tramonto sui laghi. Dal Lago Inferiore (924 m.) per sentiero nel bosco al Lago Superiore (929 m.).

Un luogo magico in tutte le stagioni

Hotel il CervoLaghi di Fusine